Article Image
Article Image
read

Scopro, grazie a questo post di Luca Corsato, che esiste Internet Archive, una bibloteca su internet. “E cosa c’è di così strano? Un’altro luogo dove archiviare libri?” Diranno i miei giovani lettori… E invece no.

Citando brevemente da Wikipedia:

Internet Archive è una biblioteca digitale non profit che ha lo scopo dichiarato di consentire un “accesso universale alla conoscenza”. Essa offre uno spazio digitale permanente per l’accesso a collezioni di materiale digitale che include, tra l’altro, siti web, audio, immagini in movimento (video) e libri. Internet Archive è stato fondato da Brewster Kahle nel 1996 e fa parte della IIPC (International Internet Preservation Consortium). In aggiunta alla sua funzione primaria di archiviazione, Internet Archive è un’organizzazione attivista che si batte per una Internet libera ed aperta ed è un’associazione non profit riconosciuta ufficialmente negli Stati Uniti d’America. Secondo il sito web di Internet Archive “molte società danno importanza alla preservazione di artefatti riguardanti la loro eredità culturale. Senza questi artefatti la civiltà non ha memoria e non ha modo di imparare dai propri successi e dai propri fallimenti. La nostra cultura ora produce sempre più artefatti in forma digitale. La missione di Internet Archive è di aiutare a preservare questi artefatti e creare una biblioteca digitale su Internet per ricercatori, storici e studiosi”.

Capite bene che l’obiettivo è molto ambizioso. In genere questo tipo di progetti rischiano di trovare poco riscontro nel mondo, se non che, essendo l’organizzazione, riconosciuta ufficialmente negli USA da molto tempo, attualmente consta di quantità di artefatti incredibile. La vastità di questa bibloteca è eccezionale.

Alcune note tecniche doverose dopo aver provato lo strumento:

  • Se avete un’organizzazione o siete un privato che vuole condividere materiale potete farlo registrandovi gratuitamente. Ovviamente siete responsabili personalmente di quanto pubblicate, il che significa che prima di pubblicare materiale dovere assicurarvi di poterlo fare e di non infrangere il copyright.
  • Si può effettuare l’upload di libri scannerizzati. La piattaforma si preoccupa di visualizzarlo come libro da sfogliare e vi da la possibilità di ricondividere quanto acquisito.
  • E’ possibile “archiviare link web” il che significa che la piattaforma consente tenere memoria di siti internet e della loro evoluzione nel tempo (il che è utilissimo nel caso vogliate fare ricerche di come il web evolve o vogliate recuperare pagine web andate perse).
  • Esiste una funzione che vi da la possibilità di estrarre e condividere il formato OCR testo una volta scannerizzato i i libri.
  • I libri scannerizzati possono essere distribuiti anche in formato ebook.
  • Ogni media acquisito può essere condiviso tramite codice HTML su qualunque sito web o qualunque social media.
  • Potete creare collezioni di materiale, in modo da creare dei sottoarchivi condivisibili.

Ci sono musei che hanno deciso di archiviare in forma digitale le loro opere per divulgarle il più possibile come ad esempio è stato fatto dal Museo di Brooklyn. E’ notizia di questi giorni che l’archivio è stato usato per rilasciare i videogiochi storici di Amiga per gli amanti dell’Arcade. Tramite la funzione di archiviazione siti web Firefox consente di richiamare l’accesso ad una pagina web non più esistente mostrandovi una versione più vecchia della pagina stessa.

Qui sotto ad esempio riporto il libro de “Il sacco di Prato e il ritorno de’Medici in Firenze nel MDXII “, pubblicazione del 1880 di Cesare Guasti. Scannerizzato per noi dalla Università di Toronto!

Mi permetto alcuni consigli a chi legge:

  • Se avete materiale cartaceo di pubblica utilità e non volete perderlo questo è il luogo giusto dove archiviarlo. Vale per le bibloteche, per gli archivi storici comunali, per le associazioni.
  • Se avete archivi di quotidiani che volete ricondividere questo è lo strumento che fa per voi.
  • Se avete materiale multimediale come audio e video di pubblica utilità per ricerche, studi o altro questo è lo strumento che fa per voi.
  • Se avete risorse umane da utilizzare in modo utile alla collettività far scannerizzare loro materiale cartaceo cosi da renderlo facilmente accessibile e condivisibile è un’ottimo impiego e una semplice mansione.

Mi fermo qui per oggi. Fate un giro in “archivio” son sicuro vi piacerà!

Blog Logo

Matteo Tempestini


Published

Image

IlTempe

io, me e tutto quello che vi posso dire

Back to Overview